Italiano
  • English
  • Info:
    +39 080 5442048

    SER&Practices

    Project Management

    Soluzioni

    La gestione progetti sta divenendo sempre più complessa quale effetto diretto della turbolenza tecnologica, della trasversalità dei domini su cui i progetti vertono e delle dimensioni stesse delle iniziative progettuali. La complessità dei progetti è quindi uno spazio multidimensionale ed articolato che richiede competenze specifiche ed abilità comprovate. I progetti di ricerca e sviluppo in particolare, ancor più quelli finanziati su fondi pubblici, si collocano ai vertici della complessità poiché aggiungono alle normali criticità quelle connesse: alla incertezza dei risultati, dovendo essere questi il frutto di ricerca i cui esiti sono tanto più incerti quanto più la ricerca è di frontiera; alla difficoltà di stimare tempi, costi e risorse con riferimento ad obiettivi da conseguire che difficilmente sono ben specificabili; alla criticità della gestione di personale e team di sviluppo ad altissima qualificazione; al reperimento di competenze adeguate alle ricerche da condurre; alla ricerca delle fonti di finanziamento; alla predisposizione delle candidature su bandi finanziati ed alla rendicontazione delle attività svolte, che richiedono notoriamente la compilazione di formulari e moduli oltremodo complessi e spesso distanti dalle prassi aziendali; alle criticità di cassa che si possono determinare in fase di attuazione.    

     SER&Practices nasce di fatto come soggetto vocato alla ricerca industriale ed alla predisposizione ed attuazione di progetti di ricerca complessi. Matura fin da subito competenze di spicco in tale ambito dando vita al suo interno ad un Project Management Office, una struttura deputata alla gestione dei progetti interni che, successivamente, grazie ai successi registrati, comincia anche ad operare conto terzi in favore di numerosi clienti, per cui attua di fatto una gestione chiavi in mano di iniziative progettuali.

    Nel tempo la Società si dota di un suo approccio alla gestione progetti che, ispirato al PMBOK del Project Management Institute e focalizzato sui progetti di ricerca e sviluppo, prevede l’utilizzo di processi ad hoc di Avvio, Pianificazione, Esecuzione, Monitoraggio e Controllo e Chiusura, nonché template documentali, checklist e strumenti di gestione del lavoro.

    Sviluppa al suo interno competenze nei tre ambiti principali del Project Management, ovvero, Technical Project Management, Leadership e Strategic and Business Management, competenze che aggiorna continuamente grazie anche alla collaborazione di alcuni dei suoi soci fondatori con il Project Management Institute Southern Italy Chapter (PMI-SIC) e alla organizzazione congiunta e partecipazione ad eventi divulgativi e di aggiornamento professionale promossi dal PMI.

    La società sviluppa anche competenze utili alla introduzione del Project Management in contesti produttivi diversificati, tipicamente rappresentati da piccole e medie imprese che intendono potenziare la loro capacità di gestione. In questo ambito si dota anche di un proprio approccio Lean alla gestione progetti denominato PMStart che snellisce la pianificazione all’estremo concentrandosi su 4 elementi focali, il What, When Who and How (WWWH), risultando così particolarmente adatto a Startup o a contesti immaturi. PMStart può, all’occorrenza, essere strumentato attraverso tool di ausilio alla gestione di progetti software.

    Quest’area di competenza diviene altresì strategica sul mercato anche alla luce dell’attuale quadro normativo che, recependo l’importanza del saper decomporre e affrontare l’odierna complessità, spinge verso l’acquisizione di abilità e competenze mirate alla gestione dei progetti, come è ad esempio il caso delle norme UNI 11648:2016 – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza del Project Manager e UNI ISO 21500:2013 – Guida alla gestione progetti (Project Management) e del nuovo Codice dei Contratti Pubblici di cui al D.Lgs. 50/2016 e delle Linee Guida ANAC n.3/2016 e successivi aggiornamenti che richiedono per il RUP (Responsabile Unico del Procedimento) possegga una “adeguata formazione in ambito di Project Management”.

    I servizi erogati dall’azienda nell’ambito di quest’area sono, tra gli altri, i seguenti:

    definizione dell’idea progettuale, ricerca delle fonti di finanziamento, redazione del progetto o della candidatura, assistenza nelle relazioni con gli enti finanziatori, pianificazione dell’iniziativa, supporto in fase esecutiva, monitoraggio, controllo e chiusura del progetto, servizi di Project Office, formazione mirata per preparazione alla certificazione CAPM e PMP